Malattia di Lyme

Malattia il cui nome è riferito a una città del Connecticut (USA) dove negli anni '70 si verificò un importante epidemia di questa malattia che fino ad allora era ancora sconosciuta. 

La Malattia di Lyme è causata da un batterio (Borrelia burgdorferi, una spirocheta), trasferito dall'animale ammalato (soprattutto cervo) all'uomo, tramite la puntura delle zecche (Ixodes).

La zecca si infetta pungendo l'animale malato e trasmette l'infezione all'uomo (o ad altri animali) attraverso la puntura, che essendo indolore passa spesso inosservata.

La zecca deve rimanere attaccata all'uomo per almeno 24 ore per infettarlo, pertanto è importante rimuovere la zecca il prima possibile.

puntura zecca

Puntura di zecca

La puntura della zecca

In Italia le aree maggiormente interessate sono le zone boschive di Trentino e Liguria, meno in Friuli, Veneto ed Emilia (comprese tra i 600 e 1200 mt sul livello del mare), mentre è molto rara nel centro e sud Italia e nelle isole. Sono colpiti soprattutto i bambini, per la maggior permanenza all'aperto.

Periodo di incubazione: 2 settimane (possibile inizio delle manifestazioni cliniche da pochi giorni ad un mese dopo la puntura della zecca).

La malattia di sviluppa secondo 3 stadi successivi, durante i quali si possono manifestare diverse malattie dermatologiche talvolta associate a disturbi sistemici (cardiaci, del sistema nervoso centrale e locomotore).

Stadio I:

Eritema cronico migrante
Comparsa entro 1 mese dalla puntura di una zecca portatrice di Borrelia, di una eritema che si espande centrifugamente ad anello, in assenza in genere di sintomi sistemici. L'eritema regredisce spontaneamente in circa 2 mesi, ma non rappresenta la guarigione dall'infezione, che invece progredisce nei successivi stadi della malattia, se non curata.

 

Stadio II:

Pseudolinfoma (linfocitoma, lymphadenosis benigna cutis)
Nodulo isolato che compare entro 2-3 mesi nella sede della puntura di una zecca portatrice di Borrelia.

 

Stadio III:

Acrodermatite cronica atrofica
Evoluzione atrofizzante della cute associata a disturbi neurologici e muscolo scheletrici, che compare anche mesi o anni dopo la puntura della zecca.

 

La diagnosi della Malattia di Lyme è resa molto difficoltosa dal fatto che la sierologia (ricerca degli anticorpi anti-Borrelia nel sangue) è poco sensibile e poco specifica e che la puntura di zecca passa spesso inosservata.

La terapia della Malattia di Lyme è antibiotica; il sistema migliore per prevenire la malattia è evitare la puntura della zecca e nel caso rimuoverla prontamente (entro 24 ore): nel caso non si riesca a estrarla senza romperla, è necessario rivolgersi al medico.

L'infezione da Borrelia b. non conferisce immunità permanente, pertanto la malattia può essere contratta più volte.

studio dermatologico ghislanzoni lv
 
prenota una visita
dalle 14.00 alle 19.00
da lunedì a sabato.
 
Tel. 02.845.794.87
 
oppure contattaci