Prurito

Il prurito è una spiacevole sensazione che induce il desiderio di grattarsi, con conseguente formazione di escoriazioni, che possono andare incontro ad infezione e con insorgenza di infiammazione, che può aggravare il prurito stesso in un circolo vizioso prurito-grattamento.
 
Il prurito non è una malattia, ma talvolta un sintomo di malattie interne.
Quasi un soggetto su due affetto da prurito diffuso, presenta una malattia sistemica correlata.
 
Il prurito colpisce maggiormente il sesso femminile rispetto al maschile.
 
Il fattore eziologico del prurito rimane spesso ignoto: in un paziente su dieci non si identifica alcuna causa scatenante il prurito.

FATTORI AGGRAVANTI IL PRURITO:

- grattamento
- attività fisica
- stress
- secchezza della pelle
- lana
- acqua calda
- lavaggi frequenti

IL PRURITO NELLE PARASSITOSI

Il prurito può essere dovuto a scabbia o pediculosi (piattole, pidocchi).

IL PRURITO NEL BAMBINO

Il prurito in età pediatrica è quasi esclusivamente correlato alla dermatite atopica.

IL PRURITO NELL'ANZIANO

Il prurito senile è molto comune: un anziano su tre soffre di prurito.

IL PRURITO IN GRAVIDANZA

Il prurito gravidico è abbastanza comune: una donna gravida su 5 soffre di prurito.

IL PRURITO ASSOCIATO A MALATTIE SISTEMICHE

Il prurito può essere correlato a:
-  malattie renali (la metà dei pazienti affetti da insufficienza renale cronica presenta prurito generalizzato)
- malattie epatiche (il prurito diffuso può essere un sintomo di esordio di una malattia epatica)
- tumori, soprattutto leucemie e linfomi (il prurito può precedere anche di anni la comparsa del tumore)
diabete (un quarto dei pazienti affetti da diabete lamenta prurito diffuso)
malattie della tiroide (il prurito generalizzato può essere sintomo d'esordio di ipo- o iper-tiroidismo)

IL PRURITO ASSOCIATO A MALATTIE DERMATOLOGICHE

Numerose malattie della pelle possono manifestarsi col prurito, ne riportiamo qualche esempio:
eczema (malattia della pelle caratterizzata da infiammazione e prurito)
dermatite atopica (la maggior parte dei pazienti affetti da dermatite atopica lamenta prurito anche intenso, spesso di intensità tale da disturbare il sonno o da causare difficoltà di concentrazione con importanti ripercussioni in ambito scolastico e lavorativo)
dermatite seborroica (si manifesta con chiazze eritemato-desquamanti pruriginose, localizzate nelle aree seborroiche)
orticaria (l'orticaria è molto comune e si manifesta con la comparsa di pomfi fugaci, che sembra si spostino sulla pelle 
- psoriasi (il prurito è molto comune tra i pazienti affetti da psoriasi: un paziente su otto lamenta prurito diffuso
- lichen (malattia infiammatoria cronica recidivante molto pruriginosa)
scabbiapidocchi (parassitosi della cute molto pruriginose)

IL PRURITO DA FARMACI

Il prurito iatrogeno è un prurito generalizzato (piuttosto che localizzato) e può essere dovuto a diversi farmaci:
- ACE-inibitori
- oppiodi
- clorochina
- beta-bloccanti
- diuretici
- ipoglicemizzanti
- statine
- ormoni
 
Il trattamento del prurito richiede in primis la rimozione ove possibile dell'agente causale e il trattamento dell'eventuale malattie sottostante.
 
studio dermatologico ghislanzoni lv
 
prenota una visita
dalle 14.00 alle 19.00
da lunedì a sabato.
 
Tel. 02.845.794.87
 
oppure contattaci