Vulvovaginite

Vaginite, vulvite e vulvovaginite

Vaginite

 
La vaginite è l'infiammazione della vagina.
 
 

Vulvite

 
La vulvite è l'infiammazione della vulva.
 
 

Vulvovaginite

 
La vulvovaginiteè l'infiammazione della vagina e della vulva.
 

Quale specialista si occupa delle vulvovaginiti?

La vulvovaginite è un disturbo che viene curato dal dermatologo, dal venereologo e dal ginecologo.

La vulvovaginite è un problema frequente?

La vulvovaginite è un disturbo molto comune, tanto che per alcune donne si tratta di un problema cronico. 

Quali sono le cause della vulvovaginite?

La vulvovaginite può essere dovuta a CAUSE INFETTIVE, CAUSE IRRITATIVE o ALTERAZIONI ORMONALI.

Tutti i fattori che alterano il pH vaginale e la flora microbica locale, possono favorire le infezioni e lo sviluppo di microbi patogeni

Numerose sostanze chimiche contenute nei prodotti di detersione e igiene possono causare allergie, iritazioni o alterare il pH vaginale.

- scarsa igiene (residui di feci o urina nelle allettate possono avere un azione irritante e favorire le infezioni)
- eccessiva igiene (altera il pH e la flora microbica locale favorendo irritazioni, allergie e infezioni)
- diabete (favorisce le infezioni)
- alterazione della flora microbica locale (da antibiotici, cortisonici, diete squilibrate)
- malattia infiammatoria pelvica
- allergie
- uso di sostanze irritanti
- prodotti di detersione vulvare
- prodotti di igiene vaginale
- prodotti usati durante i rapporti sessuali (preservativi, spermicidi, lubrificanti)
- deodoranti
- profumi
- disinfettanti
- indumenti troppo attillati
- infezioni
- psicosomatica (depressione, sessualità insoddisfacente)
- corpi estranei (sabbia, residui di carta igienica, assorbente interno)
- lichen sclero atrofico
 
Come si manifesta la vulvovaginite?

La vulvovaginite si manifesta con arrossamento, gonfiore ed essudazione della parte interessata, spesso associate a perdite vaginali ed è accompagnata da bruciore o dolore (dispareunia).

Quali sono le conseguenze della vulvovaginite?

L'infiammazione non correttamente trattata può evolvere in una malalattia cronica caratterizzata da vulvodinia o prurito vulvare.

La vulvovaginite può inoltre favorire a sua volta le infezioni.

Come viene diagnosticata la vulvovaginite?

Con l'esame clinico e la colposcopia.
Con il tampone per l'identificazione di un eventuale germe responsabile.
Con la misurazione del pH vaginale.
Con i test allergici.
 

Come viene curata la vulvovaginite?

E' importante l'identificazione della causa, per eliminare il fattore scatenante e favorire la completa guarigione.

 

Prurito vulvare

Il prurito vulvare determina spesso un circolo vizioso col grattamento, responsabile di manifestazioni cliniche vulvari talvolta molto difficili da contenere.
E' necessario ricercare sempre eventuali segni di sottostanti patologie e affrontare seriamente il problema.
Deve essere fatta un'attenta valutazione di tutti i prodotti usati per l'igiene intima, che talvolta conviene sospendere.
Viene suggerito di indossare biancheria intima larga e di cotone bianco, adeguatamente lavata, ben risciacquata ed eliminando l'uso dell'ammorbidente.
 
Cause di prurito vulvare:
- infezioni (specialmente micotiche)
- allergia
- alterazione della flora microbica locale (da antibiotici, cortisonici, diete squilibrate)
- parassitosi (scabbia, piattole)
- lichen sclero atrofico
- perdite vaginali
- ossiuri anali
- emorroidi
- cibi irritanti
- diabete
- eccessiva detersione
- indumenti troppo attillati
- corpi estranei (sabbia, residui di carta igienica, assorbente interno)
- psicosomatica (depressione, sessualità insoddisfacente)
 
Talvolta è necessario ricorrere a farmaci per bocca.

Vulvodinia

La vulvodinia è il dolore, bruciore o irritazione vulvare spesso associata a dispareunia.
 
Cause di vulvodinia:
- infezioni (specialmente micotiche)
- allergia
- alterazione della flora microbica locale (da antibiotici, cortisonici, diete squilibrate)
- parassitosi (scabbia, piattole)
- lichen sclero atrofico
- perdite vaginali
- ossiuri anali
- emorroidi
- cibi irritanti
- diabete
- eccessiva detersione
- indumenti troppo attillati
- corpi estranei (sabbia, residui di carta igienica, assorbente interno)
- psicosomatica (depressione, sessualità insoddisfacente)
 
Talvolta è necessario ricorrere a farmaci per bocca.
studio dermatologico ghislanzoni lv
 
prenota una visita
dalle 14.00 alle 19.00
da lunedì a sabato.
 
Tel. 02.845.794.87
 
oppure contattaci